Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Guida turistica Oristano

Oristano
Guida turistica Oristano

Al limite settentrionale della pianura del Campidano, nei pressi della foce del Tirso e a pochi chilometri dal mare, con una serie di stagni molto pescosi, molti dei quali soggetti a tutela. Questo è l’affascinante ambiente naturale che circonda Oristano, di grande interesse per il turista, in uno degli angoli più belli della Sardegna. Con in evidenza l'Area marina protetta Penisola del Sinis - Isola di Mal di Ventre: un lembo di Sardegna pressoché unico, caratterizzato da una straordinaria sensazione di continuità fra terra e mare. L’origine di Oristano viene fatta risalire all’anno 1070, quando dalla vicina Tharros, devastata dai Saraceni – di cui sono visibili interessanti rovine - la popolazione migrò verso il nuovo insediamento. Oltre un secolo dopo, quando la nuova città aveva ormai preso forma, con l’aiuto di maestranze lombarde iniziò la costruzione della cattedrale, che venne poi ricostruita nel XVII secolo, in stile barocco. Altrettanto interessante, a poca distanza, la neoclassica chiesa di S. Francesco, di origini duecentesche, alla pari della grandiosa chiesa romanica di S. Giusta, appena fuori città. Da visitare anche la bella frazione di Donigala Fenughedu, con le sue tipiche case basse e i suoi cortili affacciati sulla campagna circostante, dalla quale, in breve, si raggiunge il mare, con il borgo di Torregrande: il “salotto estivo” degli Oristanesi, nonché apprezzata località turistica. Dominati dalla poderosa mole della quattrocentesca torre di avvistamento – la più grande dell’intera Sardegna, con un diametro di oltre venti metri - si può passeggiare sull’elegante lungomare abbellito di palme, e divertirsi sulle lunghe spiagge affacciate sul Golfo di Oristano, col proverbiale, stupendo mare della Sardegna.

© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti