Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Guida turistica Pedara

Pedara
Guida turistica Pedara

Una delle ideali “porte di accesso” al Parco regionale dell’Etna, in Sicilia: il più alto vulcano attivo d’Europa, che supera i 3.300 metri di quota, nel cuore del Mediterraneo, con ambienti e panorami di una suggestione senza paragoni nell’intero continente. Così possiamo definire, in estrema sintesi, il paese di Pedara, adagiato sul versante meridionale del vulcano, a 610 metri di quota: una tranquilla e rilassante località turistica, immersa nel verde, con un clima piacevole e mite, dalla quale compiere innumerevoli gite, passeggiate, escursioni e ascensioni - tutto l’anno - alla scoperta di questa “montagna di fuoco”. Con l’accattivante possibilità turistica di poter raggiungere, in poche decine di minuti, le belle spiagge affacciate sul Mar Jonio. Sorto forse già in epoca Greca, in una posizione più elevata dell’attuale, l’abitato prende probabilmente il nome da un luogo di culto, forse un altare, dedicato a Giove - etimologicamente "ai piedi dell'ara" – come ricorda anche la via principale del paese: Corso Ara di Giove. Fin dalla sua fondazione, Pedara ha legato la sua stessa esistenza, nel bene e nel male, al gigantesco vulcano, venendo più volte distrutta dai terremoti e dalle eruzioni, come nel 1669 e nel 1693. Pedara appare al turista come un tranquillo paese di collina, circondato da vigneti e frutteti, sullo sfondo del mare e ai piedi dell’impressionante cono vulcanico dell’Etna. L’arioso centro storico si fa ammirare per la monumentale Basilica di S. Caterina (con uno degli orologi solari più interessanti della Sicilia) e per due antichi palazzi baronali (Pappalardo e Di Giovanni), in un contesto urbanistico piacevole e rilassante. A nord dell’abitato, si stende inoltre il suggestivo Bosco della Tardaria, con essenze arboree tipicamente alpine. Da sempre un borgo agricolo, negli ultimi tempi Pedara ha sviluppato una spiccata vocazione turistica, con vari alberghi e Bed & Breakfast, dai quali andare alla scoperta delle bellezze dell’Etna, uniche in Europa. Salendo di quota, dapprima ci si troverà immersi in un verdeggiante ambiente fatto di vigneti, noccioleti, boschi di querce e castagni. Verso i duemila metri si incontrerà il faggio, che in Sicilia raggiunge il suo limite meridionale, e la betulla. Ancora più in alto, verso i crateri sommitali, si entrerà nel cosiddetto deserto vulcanico, dove nessuna forma di vita è presente, con ambienti spettrali, irreali, che sembrano appartenere a un altro pianeta. Dal punto di vista faunistico, risulta interessante soprattutto l’avifauna, con numerosi e gradi rapaci, sia diurni che notturni: aquila reale, sparviero, poiana, gheppio, falco pellegrino. L’Etna è una montagna geologicamente viva, tutta da visitare, con possibilità escursionistiche di grandissimo interesse, anche di rilevante impegno. Tra i tanti itinerari, ricordiamo la non lontana Valle del Bove, uno dei luoghi più affascinanti del vulcano: una ciclopica incisione lunga sette chilometri e larga cinque, con pareti che arrivano a mille metri d’altezza, originatasi probabilmente da un collasso – in pratica un crollo - di parti di antichi edifici vulcanici (grotte, crateri e simili) a causa di manifestazioni esplosive. Una vacanza a Pedara lascerà ricordi indelebili, senza dimenticare l’opportunità di trascorrere qualche rilassante giornata lungo le vicine spiagge della costa Jonica della Sicilia.

© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti