Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Guida turistica Ragusa

Ragusa
Guida turistica Ragusa

L’antichissima Hybla Heraia, abitata in modo stabile fin dal IX secolo a.C., offre al turista un incredibile patrimonio storico e culturale, soprattutto del periodo barocco, addirittura con oltre 50 chiese, in un ambiente naturale di grande fascino, prettamente collinare, a poca distanza dall’azzurro del mare. L’odierna Ragusa è costituita, di fatto, da due città, unite amministrativamente solo dal 1926, ma ancora nettamente separate: la città moderna, ovvero Ragusa superiore, e la città vecchia, ovvero Ragusa inferiore, o semplicemente Ibla. Nella città moderna, da non perdere la settecentesca cattedrale, col suo alto campanile, e il Museo archeologico regionale Ibleo, per conoscere tutto il fascino e la storia di questa stupenda terra. Seguendo una tortuosa strada in auto, o una lunghissima scalinata a piedi (242 gradini!) si raggiunge la città vecchia, dove il tempo pare essersi fermato tre secoli fa, tanto è diverso l’ambiente urbano. Quasi a ogni passo, ci si imbatte in una chiesa, ognuna delle quali merita una visita non distratta: l’antica S. Maria delle Scale; la barocca chiesa del Purgatorio; la splendida S. Maria dell’Idria, col suo campanile rivestito di ceramica; la curiosa S. Giuseppe, a pianta ellittica; la Normanna S. Antonio; l’elegante portale gotico-catalano di S. Giorgio Vecchio, e potremmo continuare a lungo. Ma il capolavoro di Ibla, che da solo vale il viaggio, è la Chiesa di San Giorgio, edificata su disegno di Rosario Gagliardi, tra il 1739 e il 1775, alla sommità di una coreografica scalinata: il sacro edifico si presenta con una eccezionale facciata barocca a tre ordini, scandita da colonne accostate e sovrapposte, con il corpo centrale aggettante, proteso verso l'alto. Una vera “città d’arte”, a una ventina di chilometri dal mare e dalle spiagge di Marina di Ragusa, dove l’estate dura otto mesi.

© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti