Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Miami Beach: Ciack Si Gira!

Scritto da Elena Longo
  • Promenade sul Lummus Park
  • Beach guard house
  • Colony Hotel
  • Holocaus Memorial
Non esistono altri chilometri come questi lungo la costa americana: una magnifica distesa di sabbia e bassi fondali intiepiditi dalla corrente del golfo, oltre 800 edifici in stile art decò e alcuni degli hotel piu’ “snob” del paese, la vita notturna piu’ intrigante del nord america, la perfezione di un set televisivo e le pazzie e stranezze di un luogo unico nel suo genere, miracolato dagli uragani.
Miami Beach, l’isola resa mitica dalla Tv e dal popolo che la abita, è un’isola che corre parallela alla costa di Miami, lunga e stretta, collegata alla terra ferma da diverse strade chiamate Causeway, lambita dall’oceano è sede di un turismo americano ma anche mondiale tutto l’anno, ma soprattutto dall’autunno alla primavera, nello stato detto del perenne sunshine e dal clima mite tutto l’anno eccetto in estate quando diventa torrido e vi è il pericolo uragani.
Chi arriva a Miami Beach in vacanza e soggiorna a South Beach, avra’ probabilmente la maggior varietà di intrattenimenti possibili a disposizione. L’isola si suddivide in 5 distretti, ognuno con caratteristiche diverse ed attrazioni differenti, da provare e vedere.
Tra Miami e Miami Beach si forma cosi’ uno stretto braccio di mare, una baia, che ospita isolette dagli strani nomi, ricche di vegetazione e di ville di personaggi illustri, queste si possono vedere attraverso una lunga gita in barca nella baia.
Miami Beach, anticamente, prima di prendere questo nome, era Ocean Beach, un luogo di relax e spiagge dove gli abitanti della terra ferma arrivavano in barca e poi successivamente dal pontile sopraelevato per godersi le domeniche al sole, fare il bagno nel tiepido Oceano e rilassarsi al vento degli alisei. I 26 km di spiagge dell’isola hanno dato fama a questo luogo come la Costa del Sol dell’America Orientale.



I 5 distretti di Miami Beach:

South Beach: il cuore.
Tra la 5th e la 41th street c’è il distretto a cui l’isola è piu’ associata, qui’ hanno sede la maggior parte degli edifici art decò, le aree ricreative, le spiagge piu’ famose, i negozi piu’ trendy, i locali piu’ gettonati e il cuore della movida dell’intera Miami.
Qui’ a South Beach abbiamo i luoghi piu’ frequentati e le strade piu’ famose dell’isola: da Ocean Dr. A Collins Ave, da Lincoln Rd. A Espanola Way. Il quartiere viene definito come SoBe.

South of South Beach.
A sud della 5th street la zona ha subito considerevoli ristrutturazioni per includere nuovi edifici, cercando di mantenere stravaganza e mode. Questa zona è sconsigliata di notte in quanto non essendoci molte attrazioni per ora, diventa luogo di incontri di barboni e mendicanti.

Northern Miami Beach.
A nord della Julia Tuttle Causeway, ovvero la I195 c’è ad oggi un misto di sviluppi residenziali e commerciali, questi quartieri, lontani dall’essere alla moda, si affacciano comunque sull’Oceano e molte costruzioni sono vicine a spiagge bellissime. Vi sono attrazioni, negozi, ristoranti e qualche hotel ma la zona non è di certo frequentata come SoBe (South Beach). Da qui’ si arriva ai famosi centri commerciali di Bal Harbour.


Port of Miami.
Dodge e Lummus Islands formano il piu’ grande e trafficato porto per navi da crociera del mondo: il porto di Miami. E’ possibile visitarlo attraversando la sopraelevata che parte da Biscayne Blvd vicino a Bayside Marketplace, a Miami. Di notte il porto che ospita le grandi navi da crociera è un’attrazione a se con tanto di navi illuminate da sembrare casino’ di Las Vegas galleggianti. Dall’isola di Miami Beach si puo’ vedere il porto e spesso si avvistano le grandi navi che entrano o escono dal porto.


Palm, Hibiscus e Star Islands.
Guardando sul lato sinistro della MacArthur Causeway si possono notare tre isole con accessi “riservati”, sono Palm Island, Hibiscus Island e Star Island, ornate da lussuose ville, costeggiate da barche e yacht, con spiagge innaturalmente perfette.
Queste 3 isole artificiali sono comunità private, con dimore di personaggi noti, approdi per imbarcazioni e guardiani che possono limitare gli ingressi alle isole.





Le Causeway.

5 strade sopraelevate (causeway) collegano Miami all’isola e ogni strada fa approdare in un diverso quartiere. La sopraelevata piu’ trafficata e interessante è la MacArthur che salta la baia da DownTown Miami in direzione SoBe. Attraversando questa Causeway si passa davanti al Parrot Jungle, una voliera gigantesca piena di pennuti di tutto il mondo. Di fronte si trova il Children’s Museum che include gallerie, aule, centro risorse e un auditorum. Da questa causeway vi è l’accesso a Palm Island, si puo’ vedere il porto di Miami, Watson Island e il Japanese Garden.
Arrivati a Miami Beach vi ritroverete sulla 5th street, non distanti dal South Pointe Park, il parco piu’ a sud dell’isola.
La Venetian Causeway attraversa la baia passando per Biscayne Island, San Marco e San Marino Islands, Di Lido e Rivo Alto Islands, approdando su Dade Boulevard, vicino all’Holocaus Memorial.
Rimangono poi Julia Tuttle Causeway, NE 79th Street Causeway e Broad Causeway che approda all’altezza di Bal Harbour.





South Beach: light district.

Nonostante Miami Beach sia piu’ importante di South Beach, nell’immaginario collettivo l’isola si identifica con questi pochi chilometri di costa stravagante, 40 isolati circa di luci al neon che di notte rendono il posto unico ed inimitabile. Qui’ a South Beach ci sono i luoghi piu’ importanti e famosi dell’isola, gli edifici piu’ particolari ed aerodinamici, boutique, spiagge di bianca sabbia, i luoghi da rivista e tutto cio’ che fa moda.
Il distretto straordinario di SoBe ospita molti omosessuali che qui’ hanno trovato un luogo ideale per vivere senza regole e senza remore, sottostando alle norme della buona condotta per vivere e mischiarsi in mezzo alla moltitudine di persone che si accalcano qui’ per vacanza o come abitanti fortunati.
Qui’ risiedono anche molti artisti e personaggi di spicco, i quartieri di SoBe si possono tranquillamente attraversare a piedi in quanto sono tutti da ammirare. Se prendete alloggio qui’, non incaponitevi sulla qualità e bellezza dell’hotel o dell’alloggio, la maggior parte del tempo della vostra vacanza lo passerete certamente fuori casa!
Ocean Drive è senza dubbio la strada piu’ fotografata di SoBe, un lungomare pieno di palme, hotel in tinte pastello che di notte diventano attrazioni di luce sgargiante al neon colorati.
Spesso popolata da gente di bell’aspetto, vacanzieri e anche chi si puo’ permettere di oziare dal mattino alla sera, gente ricca e famosa, che si sposta da un locale all’altro, da una spiaggia all’altra e da un negozio all’altro.
Nelle serate dei week end è quasi impossibile guidare su Ocean Dr. in quanto migliaia di persone si riversano qui’ per trascorrere le stravaganti serate movimentate ed allegre dell’isola. L’unico parcheggio conveniente della zona è quello tra la Trent e Washington Ave. che chiaramente è a pagamento come tutti gli altri parcheggi pubblici di Miami Beach. La sorveglianza dei parcheggi è incallita e se non si paga cercando di fare la furbata si incorrera’ quasi certamente in una multa piu’ una citazione in giudizio.
Una volta arrivati in Ocean Dr. potete mangiare qualcosa in uno dei tanti bar o ristoranti della via che offrono posti esterni ed interni nonché pietanze stravaganti e classiche di ogni genere.
Una passeggiata lungo la via è d’obbligo e dopo aver ammirato le bellezze di questo posto illuminato e colorato, attraversate la strada verso il Lummus Park
ovvero la zona delle spiagge.
Qui’ troverete chilometri di spiaggia sabbiosa sorvegliata dai bagnini che stanno nelle tipiche casette colorate, troverete bagni privati appartenenti a hotel di spicco e posto libero per mettere il vostro telo mare. Le spiagge sono ampie e i luoghi riservati ai lettini a pagamento costituiscono solo una zona limitata della spiaggia.
Per attraversare tutta SoBe a piedi, soffermandosi ad ammirare gli edifici piu’ noti e piu’ belli ci vogliono circa due ore, senza dubbio l’hotel piu’ famoso è il piccolo e ricercato Colony Hotel dove potrete anche solo mangiare qualcosa al bar sottostante, questo hotel è il piu’ fotografato di SoBe, lo stereotipo di South Beach per eccellenza con i suoi neon azzurri che di notte lo illuminano a giorno. Una delle migliori trattorie/bar di SoBe è senza dubbio il News Cafè dove, di tanto in tanto, si possono scorgere visi noti. Il Larios on the Beach è il ristorante cubano piu’ “in” dell’isola, di proprieta’ della cantante Gloria Estefan.
Altro luogo di culto per le notti di SoBe è il Mango’s Tropical Cafè, un risto/disco/pub in stile cubano, coloratissimo e dalle cameriere molto appariscenti, qui’ si balla musica caraibica tutta la notte e anche di giorno!
Nei locali come il Mango’s non conviene certo andare a cenare dopo le 22:00 dove il locale si tramuta in una vera e propria discoteca stracolma di gente e quindi il servizio al tavolo potrebbe risultare un po’ insoddisfacente nonostante le pietanze succulente e le porzioni generose.
Un locale dove invece troverete un’eleganza regale è Escopazzo, mentre troverete movida da vendere al Mynt e Jazid.
Dalla 5th alla 15 th street, la parte della spiaggia e della passeggiata danno vita al Lummus Park, una zona pubblica ricreativa con bianche spiagge, luoghi organizzati, bassi fondali, verde pubblico e una promenade costeggiata da alte palme da cocco. Sulla promenade si puo’ riposare su una panchina osservando i campi da beach volley oppure utilizzare i famosi pattini in linea, acquistare del cocco fresco o partecipare ad una delle festicciole organizzate sulla spiaggia.



South Pointe Park.

Dislocato all’estremità sud dell’isola di Miami Beach, il distretto al di sotto della 5° strada ha da poco iniziato ad adeguarsi alla vita di SoBe. Il parco di 7 ettari è pero’ destinato alle famiglie, è un luogo di pace e riposo, dotato di una bella spiaggia, sentieri, zone erbose e una torre di osservazione sul mare e sulle navi da crociera che proprio da qui’ passano per entrare ed uscire dal porto di Miami.
In questo parco vi sono parchi gioco per bambini e aree da pic-nic, un molo frequentato dai pescatori, un anfiteatro e un bazar il venerdi’ sera. Le spiagge di South Pointe sono piu’ tranquille di quelle del Lummus Park e piu’ adatte per chi ha dei bambini. Ad est del parco vi sono le spiagge sabbiose che ospitano il famoso locale Nikki Beach mentre ad ovest troverete il Miami Beach Marina, un porticciolo per pochi e distinti.






Tour a piedi per l’Art Decò District.

Il distretto con piu’ edifici in stile Art Decò mai visto, il cui tour si puo’ effettuare a piedi per una durata media di 2/3 ore, circa 3/4 km partendo dal Park Central Hotel e terminando al The Hotel.
Presso l’Art Decò Welcome Center di Miami Beach, potrete trovare tutta la documentazione necessaria, cartine comprese, le guide, i tour organizzati e le audioguide per affrontare un tour del distretto. Questa struttura colorata e molto visibile si trova al 1001 di Ocean Dr. dalle forme geometriche e i colori sgargianti è il centro di supporto per turisti.
Se invece volete fare lo stesso tour da soli allora potete partire dal Park Central Hotel, al 630 di Ocean Dr., proseguendo troverete il mitico Colony hotel dagli interni stupefacenti e dopo il Waldorf Towers Hotel sito al 860 di Ocean Dr.
Nell’isolato successivo avremo il Break-Water Hotel’s che imita un tempio Maya e passando per l’Edison hotel arriveremo all’Art Deco’ Welcome Center. Proseguendo su Ocean Dr. arriveremo al Victor hotel dedito al cubismo e al puritano Leslie hotel, subito dopo il Carlyle e il bellissimo ed esuberante Crescent Hotel.
Svoltando verso l’interno all’altezza della 15th strada vi troverete in faccia il bianco e curvo Haddon Hall Hotel, proseguendo sulla Collins si arriva all’incrocio con la 13th strada e qui’ si svolta su Washington Ave. trovandosi davanti il Post Office, un raro esempio di Decò Federal.
Continuando su Washington Ave. in direzione sud si trova l’Astor Hotel e proprio qui’ si svolta a sinistra per ritornare sulla Collins dove troveremo l’Essex House e poi il The Hotel.






Espanola Way.

Un piccolo ed elegante quartiere spagnoleggiante con edifici bassi e tinte pastello sul rosa e lilla, cortili illuminati, piante rampicanti sui muri, portali ad arco e stradine strette nel cuore di South Beach. Mentre i loft dei piani alti sono occupati da artisti, i locali al piano terra sono negozi, caffè, boutique e gallerie. Qui’, in questo piccolo e raccolto quartiere c’è l’unico ostello di South Beach da li, Al Capone gestiva i suoi circoli di giochi d’azzardo mentre negli anni piu’ recenti attori e personaggi noti hanno girato qui’ scene di film e video. Partendo dal Clay hotel e dal Cameo Theatre si puo’ esplorare questa via rinomata ed elegante di SoBe che da’ il meglio di se in serata quando si illumina di luci e colori tenui.
Espanola Way costituisce anche una fermata del bus Electrowave, l’unico bus che gira soltanto in Miami Beach mentre gli altri fanno la spola dalla città all’isola. Espanola Way è pedonale e qui’ si affollano i turisti di sera per cenare in uno dei tanti ed eleganti ristoranti in stile cubano, latino, italiano, spagnolo della via.
Qui’ musica e cocktail si fondono per dare vita a serate di festa di alto rango dopo una certa ora della notte, aprono i lunge bar e scorrono fiumi di Moijto.



Lincoln Road Mall.

La via pedonale di Miami Beach, nel cuore di SoBe vide i natali come strada sterrata tra le mangrovie, oggi, è una delle vie di shopping e svago piu’ famose di tutta Miami.
Lincoln Road è una lunghissima strada costellata di negozi di ogni genere, gallerie, ristoranti, bar, fermate dei bus, fontane, teatri e palme reali. Qui’ si trova il Regal South Beach, il teatro dalle mura di vetro, il Lincoln Theatre che è sede della New World Symphony, Books & Books che è una leggendaria libreria che di tanto in tanto ospita discorsi di scrittori famosi e il Britto Central Art Gallery, con le opere famose di Romero Britto.
La via è frequentata dal mattino alla sera ma al calar del sole diventa un luogo di passeggiate, svago, ristorazione dove hanno sede i cafè piu’ famosi come il Van Dyke e il Nexxt.
Qui’ si fanno i migliori acquisti di souvenir, nei grandi centri Surf Style, le palme sono illuminate dal basso a ricreare un’atmosfera di divertimento elegante. In Lincoln Rd. troverete negozi di abiti, scarpe, borse, elettronica, musica, souvenir, cibo, supermercati, sigari, scuole di ballo e molo altro.






Musei d’Arte:

The Wolfsonian-Fiu Museum:
Museo che esamina le arti decorative e propagandistiche, sito in Washington Ave. all’incrocio con la 10th St. è chiuso il mercoledi’ ed ha l’ingresso a pagamento. Occupa un grande edificio di 7 piani in stile moresco, contiene opere che riflettono i cambiamenti culturali, politici e tecnologici che si diffusero in tutto il mondo prima della seconda guerra mondiale.
All’interno l’edificio è moderno, l’aria e l’umidità vengono calcolate con attenzione per non rovinare i manufatti, i libri, i volumi antichi e le tante opere esposte.



Bass Art Museum:
Posto al 2121 di Park Avenue, il museo è fatto in Keystone ovvero ruvida roccia grigia creata dallo sviluppo dei coralli nel tempo, questa pietra giace sotto la maggior parte della florida meridionale.
Il museo è il depositario delle belle arti nell’isola e tra le opere vi sono antichi dipinti ecclesiastici tra i piu’ pregiati del loro genere e alcuni immensi arazzi fiamminghi.
All’interno del museo vi sono spazi con esposizioni temporanee, proiezioni di film e opere di media importanza mentre la cosa piu’ curiosa è osservare l’esterno del museo in quanto fatto di roccia corallina all’interno della quale, osservando con attenzione, si possono trovare antichi fossili marini. Intorno al museo, in esterno, vengono esposte alcune opere molto grandi in stile moderno. Il museo ha un giardino/parco molto ben tenuto proprio di fronte all’entrata.





Jewish Museum & Holocaust Memorial.

Il Jewish Museum è il museo che contiene l’archivio dedicato alla lunga e sfaccettata storia della popolazione ebraica in Florida, sito in un edificio art decò al 301 di Washington Ave.
Le grandi vetrate dipinte di colori accesi e scuri, filtrano la luce del sole che entra nel museo ed invade tutto di un color rosso/marrone, il corpo centrale della documentazione del museo è data dai documenti che testimoniano la vita ebraica nello stato della Florida.
Tra le opere del museo si vedono fotografie di famiglia, cimeli e porcellane ebraiche, toccanti documenti personali, insegne, abiti, e video che presentano la storia dei primi insediamenti ebraici in Florida.


Holocaust Memorial:

Miami Beach ospita uno dei gruppi piu’ estesi di sopravvissuti all’olocausto americano, per questo possiede un magnifico monumento commemorativo dedicato ai sei milioni di ebrei che morirono durante il periodo nazista.
Eretto nel 1990, il monumento è carico di simbolismo e ogni elemento rappresenta un aspetto dell’Olocausto, ad assicurare che le future generazioni non possano dimenticare quello che successe. Il monumento si trova al 1933-45 di Meridian Ave. tra la 19th strada e Dade Blvd., aperto tutti i giorni con ingresso gratuito, si vede gia’ da lontano grazie alla sua struttura eretta verso il cielo a forma di mano. Il compresso è ampio ed elegante, toccante e particolare al tempo stesso: un lago, una galleria e la sezione centrale piu’ toccante con tutti i nomi degli ebrei morti incisi sulle nere pareti marmoree.
Il memoriale è costituito in prevalenza in pietre di Gerusalemme dal colore giallo/rosa, circondato da un laghetto che riflette sulle sue acque l’alto memoriale. L’aspetto impressionante è la grande mano di bronzo alta 13 metri, piu’ ci si avvicina e piu’ i piccoli dettagli prendono forma per creare un monumento interpretativo, tante piccole sagome in bronzo si accalcano sull’avambraccio in cerca di fuga, dalle espressioni terrorizzate e lancinanti. Un semicerchio in granito e pietra, costeggia il lago e reca incisioni sugli avvenimenti sommari dell’epoca. Si è poi attirati in uno spazio chiuso simile ad un reliquiario che porta ad un tunnel, fuori campeggia la fiamma sempre accesa in memoria delle vittime. Nel tunnel il soffitto si abbassa sempre piu’, lasciando entrare lame di luce dall’esterno, una musica corale di bambini che cantano si espande in tutto il memoriale a creare un’atmosfera di tristezza e commozione. Al fondo del tunnel si vede la luce dell’esterno e una sagoma contorta a terra in un gesto disperato di terrore, il tunnel è una delle parti piu’ suggestive del mausoleo. Si riemerge in una piazza circolare all’aperto con la grande mano innalzata verso il cielo e tantissime statue a dimensione naturale in bronzo, poste in atteggiamenti di sofferenza e morte. L’avambraccio è avvolto da circa un centinaio di tormentate figure scolpite ed esaminando l’avambraccio si puo’ notare il numero di serie che ogni ebreo aveva tatuato sul proprio braccio.
Arrivando al muro si leggono i nomi delle vittime impressi in bianco su pietra nera.
Il memoriale all’Olocausto è un monumento imperdibile e toccante, gratuito al quale non si puo’ non far visita, la visita completa dura circa mezz’ora. Fuori, prima della piazza del memoriale si trova il ponte dedicato al memoriale e oltre la strada c’è il rinomato Miami Beach Golf Club che poco ha a che fare con il significato storico e intrinseco del monumento.






Altre zone di e da Miami Beach.

Haulover Beach Park:
Soffice sabbia, tiepide acque, vedute e vegetazione, tutto questo a Nord di Bal Harbour, qui’ si possono affittare kayak per remare sul fiume Oleta River e trascorrere piacevoli giornate di balneazione in tranquillità. (10800 Collins Avenue).
North Shore State Ricreation Area:
Vicino a Surfside tra la 79th e la 87th street quest’area è una distesa di 16 ettari con dune di sabbia e piacevole vegetazione tropicale. L’area è sorvegliata dai bagnini e si possono trovare cabine da spiaggia, aree da pic-nic, sentieri per passeggiate e luoghi per il barbecue. Ottimale per famiglie.
Key Biscayne:
A sud dell’isola di Miami Beach si trova l’isola di Virginia Key dove troviamo il famoso Miami Seaquarium e proseguendo abbiamo Key Biscayne con i suoi parchi, il Village e Biscayne Bay.
Sull’isola di Key Biscayne c’è il famoso e grandissimo parco Bill Baggs Cape Florida State Ricreation Park.





I ristoranti consigliati a Miami Beach:

Mango’s Tropical Caffè: consigliato a pranzo o nel primo pomeriggio per cibo cubano e caraibico, pesce e carne. Porzioni generose e menu’ con ampia scelta di cibi e bevande. 900 Ocean Drive.
Jerrys Famose Deli:consigliato 24 ore su 24 sempre aperto, tipico in stile americano con porzioni generose, prezzi medi e un menu’ tra i piu’ vari e lunghi di tutta Miami. Preparano anche cibi pronti da asporto. 1450 Collins Avenue.

News Cafè: bar dove si possono mangiare spuntini, posto in centro su Ocean Dr. è un luogo affollato e con prezzi medio/alti. 800 Ocan Dr.

Nexxt: Ottimo ristorante con molti posti all’aperto posto in zona pedonale, ottimi piatti sia di pesce che carne, buona scelta nel menu’. 700 Lincoln Road.

Van Dyke Cafè: Ottimo per pranzi e cene, spuntini e colazioni, posto in zona pedonale è molto scenografico con serate di musica dal vivo. 846 Lincoln Rd.

Front Porch Cafè: un leggendario cafè sulla Ocean, buon cibo e prezzi medi. Buona scelta e ottima qualità del cibo. Pochi posti disponibili, si trova sotto il Penguin Hotel. 1418 Ocean Dr.

Colony Cafè: è il cafè del mitico e famosissimo Colony Hotel, qui’ è senza dubbio necessaria la prenotazione. 736 Ocean Drive

Ristorante dell’ Hotel Astor: luogo lussuoso, buona scelta nel menu’. 956 Washington Ave.

Escopazzo: uno dei migliori ristoranti di Miami, cucina italiana. 1311 Washington Ave.

The Forge: Classico e costoso ristorante rococo’ che serve cibo eccellente. 432 41St.

The blue door: è il lussuoso ristorante dell’Hotel Delano. 1685 Collin Ave.

Nemo: Cucina naturale New American. 100 Collins Ave.

Nobu Miami Beach: qui’ si mangia il miglior Sushi di Maimi. 1901 Collins Ave.

Joe’s Stone Crab: Qui’ si serve il miglior granchio alla senape e torta di lime delle Keys. 11 Washingtin Ave.

Larios On The Beach: ristorante cubano di proprieta’ di Gloria Estefan. 820 Ocean Dr.

Cafè Nuvo: sito nella bella Espanola way è un ristorante di lusso con posti in esterno molto eleganti.


Pranzare a Miami Beach puo’ essere una cosa molto piacevole e poco dispendiosa, si puo’ mangiare un pranzo medio spendendo 20 dollari in 2 persone in un luogo poco comune o un po’ decentrato mentre i prezzi salgono per la cena dove si spende in media dai 40 dollari in su per una cena ad un ritorante.





Hotel in Miami Beach.

Di hotel a Miami Beach ce ne sono tantissimi, alcuni sono storici e lussuosi, altri sono sulla famosa Ocean Dr. o Collins Ave…. altri sono piccoli e raccolti, qualcuno è dipinto a tinte pastello e altri sono enormi o distanti dalle spiagge.

Tra i lussuosi troviamo:
The Setai
Sagamore
The Ritz-Carlton
Casa Casuarina
The Raleigh
Fontainebleau Suites
Delano South Beach
The Beach Plaza
The Hotel
MetropoleEden Roc Resort & Spa


Tra i piu’ economici troviamo troviamo:

Haddon Hall
Impala
Malabo
Days Inn
Oceanside
Abbey
Claremont
San Juan
Carlton South Beach
President
Winterhaven
La Flora
Princess Ann
Ocean Surf
e molti altri.....





Orientarsi a South Beach e Miami Beach.

Le Street dell’isola corrono da est a ovest mentre le Avenue vanno da nord a sud, queste ultime non sono numerate con numeri civici ma la numerazione viene data dagli incroci con le street. I punti di riferimento sono senza dubbio le arterie principali come Ocean Dr. o Collins Avenue, il Lummus Park, l’Art Decò Welcome Center, le vie pedonali.
I bus che vedrete girovagare a Miami Beach e South Beach sono: G, H, J, L, S, T.
Le due zone a nord di SoBe vengono divise e definite dagli abitanti come Mid-Beach e North Beach. Aventura è il sobborgo all’estremo nord dove sorge il grande ed affollato centro commerciale di Aventura Mall, raggiungibile da SoBe con un bus apposito che compie tutta la tratta sulla Collins.
Nella zona di Mid-Beach si trovano: Boardwalk, l’Eden Roc Resort, il famoso Fontainebleau Hilton Hotel e Resort e le Saune Russe e Turche.
A north Beach invece troverete: l’Haulover Beach Park, Normandy Isle, Ocen Terrace, Oleta River State Recreation Area e il Wolfie Cohen’s Rascal House.





Le spiagge di Miami Beach:

Per nuotare è ideale la spiaggia di Surfside all’85th Street, per i pochi nudisti rimasti invece si puo’ andare all’Haulover Beach Park nelle Sunny Isles, spiagge Gay sono quelle intorno alla 12th street e le spiagge preferite dai cubani sono quelle del South Pointe.
A Crandon Park troverete le spiagge dei party e feste mentre le piu’ tranquille sono quelle del Matheson Hammock Park e all’altezza della 46th strada.
Miami Beach vanta le spiagge cittadine piu’ belle degli Stati Uniti, organizzate, pulite, curate, vaste, di sabbia e belle. Le spiagge piu’ affollate in alta stagione sono quelle di South Beach note anche come Glitter Beach.
Le spiagge invece piu’ indicate per Surf e Windsurf sono quelle a nord verso Haulover Beach Park o all’estremo sud dell’isola.






Sport.

Gli abitanti e i frequentatori dell’isola ci tengono molto al loro fisico e alla bella presenza per cui in tutta Miami le palestre sono all’ordine del giorno. A SoBe potrete trovarne ovunque soprattutto in Lincoln Rd e Collins Avenue. Il beach volley è uno sport molto praticato in spiaggia nei campi adibiti appositamente sulla bianca sabbia che fiancheggia la promenade, mentre i pattini in linea sono molto usati soprattutto dalle ragazze. Footing in spiaggia si fa a qualsiasi ora del giorno ma soprattutto il mattino presto mentre la sera potrete trovare scuole di danza e balli caraibici aperte fino a tarda ora. Il nuoto è un altro sport praticato sia in mare che nelle numerose piscine.
Il golf è un'altro sport molto praticato a Miami Beach, soprattutto dai personaggi illustri e facoltosi, per questo i campi spopolano l'isola e i resort con campi da golf sono molto popolari....
Tra questi il Miami Beach Golf Club



Trasporti.

L'aeroporto Internazionale di Miami è il "MIA", distante da Miami Beach 30 minuti di taxi (circa 30 dollari), ben collegato anche con trasporti pubblici come il Metrorail o i bus navetta speciali.
In Miami troverete poi anche il Metromover specifico per la DownTown e limitrofi.
La ferrovia si chiama Trirail ma non raggiunge l'isola ma bensi' collega Miami con limitrofi e altri paesi della Florida.
Il metodo piu' usato rimane il Taxi per spostamenti brevi.






Noleggi.

A Miami Beach si possono noleggiare auto, delle piu’ strane: un Lamborghini, un Suv o una cabrio, in moltissimi punti di noleggio dell’isola, solitamente sono piccole agenzie che organizzano anche escursioni e noleggiano tavole e kayak. Si possono noleggiare biciclette o pattini, Hammer lunghi 8/10 metri, auto di lusso, utilitarie, barche o attrezzature da sub.
I noleggi non sono molto costosi ma assicuratevi che l’assicurazione sia compresa nel pagamento della tariffa.





Clima.

Senza dubbio il miglior periodo per visitare l’isola (cosi’ come anche Miami e l’intera Florida) è l’alta stagione che va da Ottobre/Novembre a Marzo/Aprile. Dopodiche’ l’aria diventa piu’ irrespirabile, il caldo torrido, la percentuale di umidità puo’ raggiungere il 90% e aumenta in modo esponenziale la possibilita’ di piogge tropicali (quasi ogni giorno), tempeste ed uragani.
Miami dispone del centro uragani piu’ attivo e all’avanguardia degli Stati Uniti e solitamente un uragano viene annunciato con giorni di anticipo e monitorato 24 ore al giorno.
Nel periodo delle piogge e uragani la stagione turistica è dichiarata bassa ma il turismo vi sara’ anche in piena estate, soprattutto europei ed italiani in particolare. A Luglio/Agosto, visto il cima sfavorevole avrete piu’ possibilita’ di entrare in qualsiasi posto senza fare code, visitare molto piu’ velocemente qualsiasi attrazione e non vi è la prenotazione obbligatoria nei locali. Alcuni ristoranti addirittura offrono sconti per turisti.
I temporali nei mesi estivi sono praticamente giornalieri, puo’ accadere che ci siano fino a 3 o 4 temporali di breve durata al giorno ma non preoccupatevi , la vita procede normalmente nonostante questo, il caldo è intenso e con un kee-way si puo’ ugualmente girare a piedi la zona. Addirittura c’è gente che rimane beatamente in spiaggia aspettando che il temporale passi mentre è vietata la balneazione durante l’arrivo di un uragano o una tempesta tropicale e lo si vede dalle tante bandiere rosse esposte sulle casette dei bagnini.
Tutti i locali al chiuso hanno l’aria condizionata che si differenzia dall’esterno per il forte abbassamento della temperatura e l’assenza di umidità, portatevi sempre appresso una maglietta per coprirvi quando entrate in un locale e addirittura sui bus o treni.





Lingue.

Chiaramente la piu’ parlata è l’inglese/Americano che al turista risuona un po’ incomprensibile dato che gli abitanti parlano un inglese stretto e veloce, soprattutto con inflessione americana del sud. A Miami e Miami Beach è usatissimo anche lo spagnolo per l’altissima percentuale di Cubani presenti e da qui’ è nato lo Spanglish, un misto orribile di inglese e spagnolo!
Qualcuno puo’ capire qualche rara parola di italiano ma non aspettatevi di poterlo parlare fluentemente.






Cucina Americana:

I tipi di cucina che si possono trovare a Miami Beach sono svariati, dalla cinese o giapponese, Turca, Brasiliana, Cubana…..ma soprattutto americana. Molto usati i fast food, i cibi pronti, i panini o i pranzi veloci, la cucina puo’ essere mista, un misto di cubano ed americano. Molta carne e pesce, molto fritto, porzioni molto abbondanti, buone insalate che spesso contengono sia verdura che frutta o pesce e carne. Ottima la frutta tropicale, i dolci e i crostacei.
Spesso negli hotel senza ristorante vi è un’area attrezzata per le colazioni con macchinette automatiche dove potrete trovare davvero di tutto, dal cappuccino imbottigliato freddo alla torta glassata di carote e miele, dal gelato al buonissimo cappuccino servito in grandi bicchieri di polistirolo che conservano il calore per ore.
Evitate di chiedere alcolici a pranzo, non vengono quasi mai serviti. Spesso al ristorante la prima cosa che vi chiederanno saranno le bevande, dopo aver ordinato il piatto principale invece vi verra’ quasi sicuramente chiesto che tipo di condimento o contorno desiderate.
I condimenti non solo come i nostri classici olio e aceto, ma spaziano dal formaggio fuso americano o francese, lo yogurt, i funghi fritti, salse di verdura, frutta o formaggio mentre il ketchup e la senape di solito sono gia’ posti direttamente sul tavolo e potrete prenderne a volonta’.
Se bevete acqua non aspettatevi la bottiglia ma un grande bicchiere e quando sara’ vuoto, nella maggior parte dei casi, senza che voi diciate nulla, il cameriere provvedera’ a rabboccarvi il bicchiere di acqua fresca. Il liquido piu’ usato è senza dubbio la coca cola mentre il cocktail piu’ diffuso a Miami Beach è il Moijto.
La carne piu’ usata che troverete in ogni luogo, ristorante o fast food che sia è il pollo, solitamente fritto, molto usate anche le Tacos, piadine ripiene di carne o verdure.






Consigli pratici:

Soggiornare a Miami Beach è molto meglio rispetto alla DownTown di Miami, l’isola è a misura d’uomo e piena di divertimenti e svaghi, spiagge e negozi, ristoranti e hotel.
L’isola è collegata a Miami attraverso una fitta rete di bus circa ogni 10/15 minuti da molte zone, soprattutto da SoBe.
I taxi sono molto usati in quanto piu’ veloci e in quantita’ maggiore, andare da SoBe alla DownTown solitamente costa circa 10/15 Dollari e si impiegano circa 10 minuti.
Miami Beach di sera è quasi totalmente sicura da girare a piedi mentre la DownTown potrebbe essere pericolosa, se si soggiorna a SoBe poi si è nel fulcro della movida e non serve l’auto per uscire. L’aeroporto di Miami dista circa mezz’ora di taxi da Miami Beach e il costo è fisso circa 33/36 dollari.
Per bere alcolici di giorno (questo in tutta Miami) ammesso che qualcuno sia disposto a darvi degli alcolici di giorno, è necessario presentare un documento tipo il passaporto.
Moltissimi negozi di Miami Beach rimangono aperti fino a tarda sera quindi alcuni acquisti come per esempio la spesa al supermarket è consigliabile farla di sera prima di rientrare in hotel, in serata c’è meno gente e le code alle casse sono piu’ brevi.
Andare in spiaggia a SoBe il mattino presto vi garantira’ l’esclusiva su alcuni panorami, paesaggi e tipologie di luce solare unici, a quell’ora non c’è quasi nessuno in spiaggia e si puo’ fare footing, belle fotografie e trovare stranezze tipiche di Miami Beach. Verso le 09:30/10:00 le spiagge cominciano ad affollarsi.
I bagnini arrivano il mattino verso le 09:00 quindi evitate di fare il bagno al largo prima di quell’ora, potreste trovarvi in situazioni spiacevoli.
Quando uscite dall’hotel portatevi sempre appresso una copia di un documento valido (Passaporto) non è insolito doverlo esibire per controlli.
A Miami Beach è sconveniente affittare un’auto, il traffico è sostenuto soprattutto la sera e muoversi è possibile comodamente anche con i mezzi di trasporto pubblici.
Nel mese di Agosto è facile trovarsi a dover fronteggiare uragani e tempeste tropicali varie che si abbattono sul luogo, si consiglia di tenersi informati e portare nello zaino sempre un kee-way, con l’ombrello non si risolve nulla a causa del forte vento.
Alcuni musei o altre attrazioni rimangono chiuse in caso di arrivo di tempeste o uragani.
Miami Beach è una realtà a parte rispetto alla city di Miami, governate dagli stessi enti vengono pero’ trattate quasi come due cose separate.
E’ vietato asportare parti di barriera corallina al largo delle coste di Miami Beach mentre è permesso raccogliere i coralli morti che il mare porta a riva ogni giorno insieme a numerose conchiglie.
In tutti gli hotel che dispongono di ristorante o bar è possibile fermarsi a cenare o pranzare senza essere clienti dell’hotel, basta una prenotazione o presentarsi direttamente come se fosse un ristorante qualsiasi.
Per cambiare la valuta è conveniente farlo dall’Italia, prelevate dai bancomat solo se strettamente necessario, le carte di credito vengono accettate ovunque e tutte le maggiori come Visa e Mastercard.





Un hotel consigliato:

L’Haddon Hall Hotel gode di un pregio, è uno degli hotel piu’ centrali di Miami Beach, non è caro ed è pulito. Certo non potete pretendere il lusso o spazi infiniti ma la posizione dell’hotel vale da sola il prezzo dell’hotel. Posto al 1500 di Collins Avenue è nel cuore di South Beach, vicino alle spiagge e alle vie centrali, alle fermate dei bus e alle vie pedonali, vicino a numerosi supermercati e molto belle sono le zone comuni dove potrete:
leggere o guardare un dvd nella sala lettura finemente arredata
fare un bagno nella grande piscina sul retro
fare colazione nella saletta apposita con macchinette per cibi e bevande
Navigare in internet
Riposare sui divanetti o fumare una sigaretta comodamente seduti sulle poltrone poste davanti all’hotel in esterno.
Dispone di stanze normali oppure monolocali oppure bilocali con terrazzo. L’hotel è un po’ vecchiotto ma pulito, 3 piani con ascensore, camere spartane ma vivibili con pulizie giornaliere.
In reception non sono di certo dei gran chiacchieroni ma sono gentili e disponibili 24 ore al giorno. Piccolo parcheggio disponibile solo per i clienti dell’hotel di fronte all’entrata dove si trova una bella fontana ornamentale. Tutte le stanze dispongono di: bagno privato con doccia e phon, tv, telefono, cabina armadio. Nei mono e bilocali la cucina è molto piccola ma vi è l’indispensabile.
Apertura con tessere magnetiche. Caparra da consegnare alla reception all’arrivo che vi verra’ restituita al vostro check out di 50 Dollari. Depliant informativi, depliant con sconti, cartine disponibili gratuitamente in hotel.



Escursioni:

Da Miami Beach alcune escursioni possibili e consigliate sono:
- visita della città
- visita alle Everglades
- navigazione della baia su battello turistico
- tour a key west (consigliato 2 giorni)
- gita a Fort Lauderdale

Tutto cio’ prenotato dall’hotel oppure girovagando per le vie principali troverete piccole agenzie che propongono gite ed escursioni da acquistare sul momento.
Tags: spiagge,miami,mare,florida,miami beach,usa,stati uniti,usa,isola,isole,sole,oceano,viaggio,visita,città.
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti