Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Malesia, Borneo, Singapore

Scritto da Francesca Di Pietro
Ad Agosto 2007 insieme ad alcuni amici abbiamo deciso di fare un giro in Malesia, partenza il 2 agosto volo KLM con scalo Amsterdam, 14 ore di volo , ottima compagnia servizio perfetto e molto puntuale.
Arrivo a Kuala Lumpur ore 15.00 locali, per raggiungere il centro si può prendere o un treno veloce o un taxi, ma dato che il nostro albergo non era vicino alla stazione dei treni optiamo per un taxi che ci porta in centro in circa 1 ora per un costo di circa 67RYM (15€)
KL è una città molto trafficata durante la settimana quindi, considerate che tra prendere un taxi nel week end e in settimana c’è una bella differenza.
Alloggiamo al Allson Genesis, si trova nel Golden Triangle, buona posizione vicino ad un sacco di ristoranti e locali, la doppia viene circa 140 RYM a notte, circa 32€. Se siete fortunati come noi potrete anche avere una stanza con vista sulle Petronas Tower, vi segnalo che prenotando via Internet c’è uno sconto del 15% sulle tariffe; la colazione è abbastanza mediocre, ma potete farla nelle tipiche bancarelle di fronte l’hotel.
Kuala Lumpur si gira facilmente con i mezzi locali (in particolare la monorotaia), per visitare le Petronas Tower vi consiglio di andare a prendere il biglietto la mattina presto dato che i posti sono limitati, ma potrete anche scegliere l’ora in cui visitarle.
Per la vista è molto meglio la KL Tower, specialmente di sera o al tramonto.
Come ristorante da non perdere Bijan locale curato cucina tipica malese, la migliore che abbia mangiato in loco, forse un po’ caro rispetto al mercato intorno al 50 RYM a persona (12€).

Il 5 siamo partiti per il Taman Negara, per il quale riversavamo molte aspettative. Per il trasferimento vi conviene rivolgervi ad un’agenzia in loco che vi procurerà anche l’alloggio.
Noi abbiamo utilizzato la NKS, vi viene a prendere in albergo e fa una sosta a Jeranttut di circa 2 ore, in quanto ha un ristorante nel quale vi obbliga a mangiare, poi ci si dirige a Kuala Tembeling dove ci si imbarca per 3 ore di traversata in lancia.
Personalmente vi consiglio un taxi da KL da Kuala Tembeling , ma solo se siete meno di 4 (nessun taxi trasporta più di 4 pax), altrimenti non è più conveniente e in questo modo evitereste la sosta di 2 ore.
Noi abbiamo alloggiato al Mutiara Taman Negara Resort, decisamente il migliore della zona nonché sede del parco da cui partono tutte le escursioni. Come location vale la pena anche se spenderete sicuramente un po’ in più (240 rym -52€ la doppia). Per la cena meglio optare per le chiatte galleggianti, molto pittoresche e decisamente economiche!!
I trekking che si fanno durante il giorno iniziano con uno di circa 4 ore nel quale si sale la collina per poi fare la canopy walking, una specie di ponte tibetano, considerate che dato il forte caldo si suda tantissimo e viene facilmente l’affanno. Se non avete mai visto una giungle tropicale vi piacerà molto, se invece ne avete già visitate alcune rimarrete un po’ delusi dal panorama poiché dopo una salita alquanto tosta si vede solo altra giungla… e molta foschia. Il ponte tibetano è molto divertente e anche alquanto lungo; vi consiglio di portarvi il costume poiché c’è la possibilità di fare il bagno nelle rapide anche se l’acqua del fiume non è il massimo della limpidezza. Da non perdere la visita alle popolazioni aborigene e il trekking notturno nel quale vedrete dei ragni di dimensioni incredibili.
Pur essendo nel complesso una bella escursione se avete poco tempo e pensate di andare anche nel Borneo a fare trekking, non vi consiglio il Taman Negara, soprattutto perché i trasferimenti portano via una giornata intera.

8 agosto Melacca, una città stupenda, sembra di essere in Cina sia l’architettura che le persone sono completamente diverse dal resto della Malesia, vi consiglio fortemente di alloggiare al Heeren House (139 RYM – 30€- la stanza), è una casa coloniale olandese, al centro di Chinatown gestita da una coppia Cino-Inglese, le stanze sono arredate benissimo e al paino terra c’è una sala da te molto carina e un negozio con delle cose stupende, anche se un po’ care. A Chinatown ci sono dei negozi di antiquariato bellissimi, e vale molto la pena visitare la casa – museo Baba Nonya, da dove è nata la dinastia di Melacca.

9 agosto partenza per Singapore, prendiamo un bus alla stazione centrale, ne partono uno all’ora, sono molto comodi ed economici. Alloggiamo al Hotel 1929 (210$ SIN-100€ la doppia) , in piena Chinatown, hotel molto carino e curato con jacuzzi sul tetto, l’unica pecca è che essendo gestito da giapponesi le stanze sono molto piccole, il lavandino è nella stanza e il bagno-doccia è diviso da una parete di vetro, quindi meglio se si viaggia con il fidanzato o una amica intima!!!
Singapore è bellissima, si gira benissimo in metro e un giorno pieno è più che sufficiente per visitarla. Mi raccomando lo shopping!!!! Sia a Chinatown che a Little India si compra molto bene, ma la cosa più conveniente è l’elettronica! soprattutto pc e macchine fotografiche vi consigliamo il Funan Digitallife Mall e il Sim Lim Tower.
Se avete intenzione di comprare cellulari ricordatevi che non c’è il T9 in italiano e che in Italia i negozi di telefonia non ve lo installano quindi dovrete “fare da voi” o iniziare a scrivere in malese!!
Se pensate di prendere un volo da Singapore vi consiglio andare a Johor Bharu e utilizzare un volo Airasia, una low cost fantastica malese, ha aerei nuovissimi e prezzi bassissimi, la differenza di prezzo rispetto ad un volo da Singapore è circa di 1:10!!

L’11 atterriamo a Kuching capitale del Sarawak- Borneo, alloggiamo al Telang Usan, il primo hotel gestito dalla popolazione Iban, ve lo consiglio caldamente è pulito, stanze ampie molto molto economico 140 RYM (30 €) a stanza, e poi è a fianco della zona migliore per mangiare. Dovete assolutamente andare al See Good Food, a mangiare l’aragosta al pepe, è un ristorante molto tipico pieno di gente locale dove si mangia benissimo e si spende veramente poco. Considerate che nel resto di Kuching non è molto facile trovare un ristorante non europeo.
Il girono dopo si va al Bako Nazional Park, escursione trasferimenti e pernotti prenotati dall’italia con Colourful Frontiers Travel, il parco è meraviglioso ci sono 7 ecosistemi, animali assurdi tipo le scimmie nasiche, maiali barbuti, scoiattoli volanti. Abbiamo dormito nel parco, per quanto sia abbastanza caro la pulizia lascia molto a desiderare e anche il cibo, ma il tramonto e la passeggiata notturna valgono la pena.
Il giorno dopo siamo andati all’ Orangutan Rehabilitation Center, per vedere gli Orangutan, ma l’unico momento in cui si riescono a vedere sicuramente è quando mangiano cioè alle 9 del mattino e alle 3, quindi nel caso in cui andiate alle 3 trovatevi qualcosa da fare altrimenti rimanete nel parco a guardare in alto come abbiamo fatto noi.
Di orangutan se ne vedono tanti e molto vicini, è veramente molto emozionante, se ce la fate con i tempi andate a vedere una popolazione aborigena credo ne valga proprio la pena, purtroppo noi eravamo molto stretti con i tempi e non ci siamo andati.

Dal Borneo siamo volati su Kota Baru , la città dell’artigianato, ma abbiamo fatto male i conti perché alle 6 chiude tutto e noi siamo atterrati alle 5.30 in più abbiamo preso un mega acquazzone e non abbiamo potuto girare per niente. La città è al quanto decadente, escluso i palazzi del sultano, quindi se pensate di arrivarci in pomeriggio per poi partire il giorno dopo perle Perhentian, evitate!!!
L’ultima nostra tappa era appunto Palau Perhentian. Abbiamo trovato il transfer per le isole direttamente all’aeroporto di Kpta Baru con la compagnia Synphony, è stata molto efficiente ed anche economica, ma la barca che utilizzano è decisamente lenta quindi se trovate una vera fast boat meglio!

Alle Perhentian noi abbiamo alloggiato a Palau Besar, l’isola più grande poiché offre sistemazioni di livello superiore e ci sono più siti per fare snorkeling.
Considerate che non è per niente un posto turistico come dicono alcune guide, non ci sono albergoni e troverete pochi turisti. Noi abbiamo alloggiato al Coral View Island Resort, è uno dei più belli dell’isola, in una posizione stupenda perché è tra 2 baie. Vi consiglio lo Chalet Family è molto più grande e costa poco di più dello standard (260 RYM – 56€ a stanza). personalmente preferisco questo resort al PIR perché è più integrato nell’ambiente e poi il bar e il ristorante sono molto più carini.
E’ completamente sopra la barriera corallina basta mettere la maschera per vedere centinaia di pesci e coralli; nella spiaggia a fianco quella di fronte il PIR ci sono tantissime tartarughe marine enormi, è bellissimo siamo stati li delle ore a nuotare con loro.
Per i pasti vi consiglio il Mama’s e il Watercolor cucinano molto meglio e sono molto più economici del Coral, anche per la colazione meglio il Mama’s fa i migliori pancakes dell’ isola! Purtroppo dopo 3 giorni di mare siamo ripartiti per l’Italia.
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti