Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Le Norie di Hama

Scritto da Arianna Leo
  • Mappa di Hama
  • I vicoli della città vecchia
  • Il funzionamento delle norie
Hama, a 140 Km a sud di Aleppo, è una delle località più note della Siria, dove si possono ancora ammirare in funzione le Norie, millenarie “ruote idrauliche”.

Brevi cenni storici e funzionamento
Nel X Libro del “De Architectura”, Marco Apollonio Vitruvio (80/70 a.C – 23 a. C) affronta lo sviluppo e la meccanica delle “macchine” idrauliche e belliche. Il trattato risale agli anni tra il 27 e il 23 a.C., periodo in cui Augusto stava progettando un rinnovamento dell’edilizia pubblica. Nel V capitolo, dedicato alle ruote idrauliche, Vitruvio descrive quello che potrebbe essere considerato il primo modello di Noria. Una ruota del diametro di alcuni metri è fissata nel centro da un asse di ferro. La parte inferiore è immersa nell’acqua in modo che la forza della corrente del fiume dia la spinta necessaria alle pale per farla girare. All’estremità esterna sono fissate delle tazze che raccolgono l’acqua e la rovesciano in apposite cisterne. Sarà comunque nel periodo della Rivoluzione Agricola Araba tra l’VIII e il XIII secolo che si diffonderà l’uso delle ruote idrauliche. Ingegneri arabi apporteranno dei miglioramenti significativi alle ruote vitruviane, dando origine alla Noria che oggi rende Hama una delle città più particolari del Medio Oriente. Il nome, infatti, deriva proprio dall’arabo Na’Ara, che significa “lanciare, far zampillare”. La ruota veniva posizionata tra due pilastri, sui quali poggiava l’asse centrale di ferro. Quest’ultimo veniva assicurato da cunei di ferro ad una struttura di travi robuste, dalla quale si allungavano i raggi di legno, che sostenevano il cerchio della ruota. All’interno del cerchio c’erano dei compartimenti per la raccolta dell’acqua e ogni due compartimenti era posizionata una pala che, grazie all’impatto con la corrente del fiume, rendeva possibile il moto circolatorio della ruota. L’acqua, una volta raggiunta l’estremità superiore della ruota, veniva raccolta nei compartimenti e scaricata in apposite cisterne. Da qui attraverso una fitta rete di acquedotti e canali di irrigazione, era stato possibile portarla fino ai campi circostanti notevolmente più alti rispetto al letto del fiume.

Itinerario
Nel XIII secolo Hama ospitava circa 30 Norie, ma solo 17 sono sopravissute fino ai nostri giorni. Benché negli anni siano state tutte ristrutturare e sostituite da sistemi di irrigazione all’avanguardia, oggi sono ancora in funzione come pura attrazione turistica. Dalla Cittadella dirigetevi in direzione nord-ovest, dove si trova la Noria di Al-Mohammediyya. Le sue dimensioni l’hanno resa la noria più famosa di Hama; il diametro della ruota, infatti, misura 21 metri. Risale al XIV secolo ed era usata prevalentemente per rifornire d’acqua la Grande Moschea. Più a nord, a circa 1 Km dalla Cittadella, c’è un gruppo di 4 norie, chiamate Norie di Bechriyyat, costruite e posizionate a due a due a ridosso di una chiusa. Vale la pena raggiungerle per ammirare questa disposizione molto particolare. Ritornate sui vostri passi e dirigetevi a sud-est della Cittadella verso il fiume Oronte. Raggiungete il centro del ponte sulla vostra sinistra e troverete le Norie di Al-Kaylaniyya, As-Sahuniyya e di fronte la Noria di Al-Jabariyya. Se avrete tempo, tornateci anche di sera, quando luci al neon illuminano gli zampilli d’acqua creati dal moto circolatorio della ruota. Immergetevi nel cuore della città vecchia tra i vicoli di pietra. Mentre camminate, alzate gli occhi e ammirate i balconi di legno intarsiato con decorazioni floreali. Se la fortuna è dalla vostra e trovate un portone aperto, sbirciate in uno dei tanti cortili interni, abbelliti da mosaici sulle pareti e piccoli giardini ben curati. Ben presto tra gli angoli silenziosi e lontani dal traffico comincerete a sentire un suono sordo, come di un pezzo di legno che si sta per spezzare. È il rumore che produce il moto circolatorio delle ruote. Seguitelo fino a quando sulla vostra sinistra spunteranno due norie di dimensione diversa. Oltrepassate il cancelletto sulla vostra destra e scendete i gradini. Vi troverete in una posizione perfetta per vedere da vicino il meccanismo di funzionamento delle norie. Due ruote raccolgono l’acqua rovesciandola in appositi convogli che la portano fino all’acquedotto. Tornate sulla via principale e continuate fino ad oltrepassare l’arco di un acquedotto. Pochi metri vi separano dalla Noria di Al-Mamuriyya, che si affaccia direttamente sul parco che ospita il mercato dei fiori. Riposatevi in uno dei tanti caffè che troverete nelle vicinanze del parco.
Tags: Hama, Siria, Noria
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti