Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Vietnam e Cambogia: Due Paesi Molto Differenti Ma Molto Affascinanti

Scritto da Gigi Comincini
  • Hanoi - Tempio di Ngoc Son
  • Hoi An - Congregazione Cinese dei Fujian
  • Angkor - Ta Som
  • Sihanoukville
08/08
Partiti !!! dopo 24 ore di voli e di aeroporti siamo finalmente arrivati ad Hanoi. Caotica, rumorosa, frenetica e … umidissima.
Mangiato zuppa veloce e a nanna !!

09/08
Tutto il giorno dedicato alla visita della città. Il quartiere vecchio con le sue stradine, i negozi, i motorini, il traffico caotico, quasi indescrivibile.
I motorini sfrecciano in tute le direzioni, ma sempre senza centrasi, sembra un videogame. Nel pomeriggio visita al mausoleo di Ho Chi Minh con cambio della guardia ma soprattutto preso un Cyclo e fatto un bellissimo giro per i vicoli della città, fino ai rottami di un B-52 … preso anche un acquazzone (e l’umidità sale …. ). Ceno in un super delizioso ristorantino.

10/08
Ore 8.00 ci preleva il furgoncino della kangaroo cafè e partiamo alla volta di Phat Diem, una cattedrale cristiana in legno di un curioso stile vietnamita e poi … Tam Coc. In giro su una barchetta a remi abbiamo visitato le tre (tam) grotte (coc) in un paesaggio calcareo tipicamente vietnamita. Altra super cenetta presso ‘little hanoi’ e quindi …. “spettacolo delle marionetta sull’acqua’.

11/08
Partenza per Halong, ma il tempo è molto incerto. Sul pulmino della kangaroo cafè, troviamo 4 australiani di cui marito e moglie ottantenni in viaggio con figlio e nuora (ARF !!). Arriviamo ad Halong per le 12.30, pranzo e … brutta notizia. Tifone in arrivo: due giorni di diluvio assicurato, si torna indietro .. tristissimo.
Ad hanoi rinoleggiamo il solito cyclò per un’ora di tour con visita del lago Truc Bach e infine cena al bar ristorante 69.

12/08
Dopo una buona dormita ci dirigiamo verso il tempio Della Letteratura: il luogo dove venivano formati i mandarini, assistiamo ad uno spettacolo di musica tipica vietnamita. L’università fondata nel 1070 è un luogo stupendo con palazzi e giardini tipicamente orientali dove finalmente respiriamo il sapore mistico e spirituale che cercavamo. Nel pomeriggio visita ad un altro paio di pagode ma nulla di speciale.
Cena in centro, sulla terrazza di un bel ristorantino della zona di Bao Kanh e quindi in stazione perché alle 22.00 partiamo con il treno per Sapa: cuccetta da 4 solo per noi … dei signori !!

13/08
Sapa !!
Arrivo alle 6.00 a Lao Cai, minibus e quindi alle 8.00 siamo a Sapa … tempaccio. Depositiamo i bagagli al Royal Hotel e qui inizia il bello. Noleggiamo uno scooter (8US$ al giorno) e impavidi via per le vallate …. Il tempo ci concede una tregua e si aprono degli scenari meravigliosi Immense distese di risaie a terrazza di tutte le tonalità di verde, abitate dalla tribù dei ‘mong blu. Ci siamo divertiti come matti a guadare i torrentelli che si formano sulla strada correndo per le valli di scenario in scenario. Alle 16.00 riprende a piovere e noi crolliamo dopo un piccolo capitombolo in moto (ehhmmm … ).
Cena alla Gerbera, con splendida vista dalla terrazza in bambù.

14/08
Sveglia presto e partenza per il mercato di Bac Ha (che vuol dire menta). Il tempo è bello (finalmente) e noi non ce ne accorgiamo ma ci scottiamo, ovviamente. Qui vivono i ‘Muong a fiori, infatti il mercato della domenica è un vero spettacolo di colori!!!
Poi torniamo a Lao Cai e andiamo a vedere il confine con la Cina, che emozione essere a pochi passi dalla Cina !!!!
Alle 21.30 parte il nostro treno per Hanoi, ma prima eravamo talmente distrutti che abbiamo affittato un albergo a ore, per farci una doccia: 1.50 €

15/08
Arrivo ad Hanoi alle 5.30, che palle svegliarsi così presto!!
La città è sveglia ma i luoghi dove fare colazione aprono alle 7.00, però non ci perdiamo d’animo e visitiamo un tempietto buddista, poi acquistiamo un supertaroccato orologio della MONT BLANC per 27 US$, poi di corsa in aeroporto, si parte per Huè con la Vietnam Airlines. L’aereo ha 7 ore di ritardo … TREMENDO !!!! Alla fine riescono a trovarci un aereo ma non c’è l’equipaggio, pariamo finalmente alle 19.30 e siamo ad Huè alle 21, l’albergo (le loi 2) è fatiscente e distante dal centro, lenzuola pulite, A/C e acqua calda, per due notti possiamo anche adattarci, è poi e silenzioso, con vista su di un inusuale giardino (un cantiere in costruzione), la città non è niente di speciale, speriamo nei prossimi due giorni.

16/08
Partenza all’alba per la visita alla DMZ, autobus lentissimo, ma alla fine arriviamo alle gallerie di Vinh Moc, un tunnel lungo 3 km in cui vivevano le truppe e gli abitanti del villaggio, per 4 anni di file dal ’68 al ’72.
I tunnel costruiti in 18 mesi sono profondi 15, 18 e 23 metri sono strettissimi e molto umidi, solo l’idea che qui sono nati 17 bambini fa rabbrividire. L’impressione che si ha è che i vietnamiti siano un popolo con una volontà di ferro, pomeriggio visita alla base di Khen San teatro di una delle battaglie più sanguinose di tutta la guerra, mille americani e 10mila vietnamiti hanno perso la vita sotto le bombe da 1000 kg, le granate al fosforo bianco, il napalm e il fuoco delle mitragliatrici e dei mortai, sembra impossibile che questo piccolo posto fosse così importante.
La vegetazione della zona è emblematica, si alternano foreste rigogliose e intricatissime a fette di nuda terra dove solo ora dopo 30 anni inizia a far capolino l’erbetta: è l’effetto dei defolianti lanciati dagli americani per stanare i bunker dei vietnamiti.
L’aria che si respira è di grande commozione indipendentemente da vincitori e vinti.
Questa giornata l’abbiamo voluta dedicare alla tremenda guerra che ha sconvolto questo paese.

17/08
Ennesima sveglia all’alba: oggi si visitano le tombe imperiali lungo il fiume dei profumi, abbiamo visto:
-la pagoda Thien Mu: particolare forma conica a 7 piani, da qui partì Tihck Quong Duc, il bonzo che diede fuoco nel 1963 a Saigon per protestare contro il regime di Diem, la sua foto è famosissima.
-la pagoda di Tu Duc il regnante di 1,45 m che con 104 mogli e innumerevoli concubine non riuscì ad avere neppure un figlio. I casi sono due: o era sterile o … un indeciso !!
Come in tutte le costruzioni di questo tipo c’è un laghetto bellissimo ricoperto di ninfee e fiori di loto e sullo sfondo un capanno di pesca a palafitta.
-la tomba di Minh Mang, assolutamente eccezionale. Passeggiando per i dintorni della tomba di Tu Duc abbiamo visto anche un paio di altre tombe non ancora ristrutturate ma comunque affascinanti. Alla fine del nostro giro in barca visitiamo la Cittadella che appare subito affascinante e desolante, solo il 10% dei palazzi è rimasto in piedi, ma quello che si può visitare dimostra la maestosità e la bellezza di questa che fino al 1945 era l’antica capitale
Rientro in città e capolinea ad un negozietto della seta in cui abbiamo comperato:
3 kimoni da camera
1 kimono da allenamento
4 borse di seta
1 paio di infradito
Il tutto per 60 € !!!!!!!
P.S. i due kimoni ce li hanno fatti su misura
Pariamo e andiamo verso Hoi An con l’autista più lento del mondo … però abbiamo trovato un albergo eccezionale, bungalow con vista sul fiume per 30 €.
A sera due passi per la città che ci fa innamorare immediatamente: i colori, le stoffe, le lanterne, le case cinesi … e domani il resto!!

18/08
Hoi An
A spasso per la cittadina tutto il giorno, i vari negozietti, le case vietnamite, le pagode, i suoi colori e i suoi profumi. Abbiamo visto i templi e le confraternite delle congregazioni cinesi, il ponte giapponese … ma soprattutto abbiamo respirato l’aria mistica di questa cittadina. La sera complice il festival della luna piena la città si è vestita di lanterne rosse e sembra di tornare indietro nel passato. Tornando in albergo per una doccia siamo stati ingaggiati come protagonisti delle foto per la brochure e per il nuovo sito dell’albergo … ormai siamo delle star !!!!

19/08
Abbiamo salutato Hoi An con l’ultima passeggiata tra le sue viuzze, quindi doccia e trasferimento all’aeroporto dove … sorpresa ….. per la seconda volta il volo è in ritardo, questa volta di 4 ore. Non serve a nulla arrabbiarci, ma ci da molto fastidio. Arriviamo a Saigon alle 20.00 e veniamo letteralmente investiti dal traffico caotico di questa città. Dormiamo nella zona più lussuosa e centrale della città e mangiamo in un ristorantino tipico con carne alla brace cotta su un braciere in tavola da noi, molto buono !

20/08
Rinunciamo alla visita dei Tunnel Cu Chi grazie alla Vietnam Airlines e al suo mega ritardo, e ci dedichiamo alla visita della città. In realtà nulla di speciale, è una megalopoli caotica del tutto occidentale eccetto alcuni quartieri stile china town. Sono rimaste alcune case coloniche francesi in mezzo ai grattacieli e alle boutique. Merita anche una visita il museo dei crimini di guerra per non ripetere e per non dimenticare.

21/08
Partiamo presto alla volta del Delta, andiamo in macchina fino a Kai Be, ci imbarchiamo e passiamo 4 stupende ore di navigazione fino a Vinh Long, visitiamo una serie di villaggi in cui lavorano il riso (carta di riso, riso soffiato, caramelle di banane, di cocco e di riso), assaggiamo tutto e comperiamo tutto (3 €). La cosa incredibile è che non creano rifiuti, ma riutilizzano e riciclano tutto … sono davvero ecocompatibili. Il nosto giro è proseguito in mezzo ai canali sempre più stretti, bellissimo !!
Quindi arriviamo in albergo (un po’ troppo prestino) ma noi non ci perdiamo d’animo e scendiamo a fare sauna e idromassaggio .. .questa si che è vita !!!

22/08
Sveglia alla mattina presto e visita al mercato di Kai Rang, ce lo aspettavamo abbastanza diverso, è abbastanza anonimo, senza colori, anche se è bello vedere la vita di questo popolo che vive nelle barche. Nel pomeriggio prendiamo la barca e via verso Chau Doc, noleggiamo uno scooter per due ore e ci divertiamo come matti. Quindi visita alle gabbie di Catfish e alla popolazione dei Campa, giretto sul monte Nui Sam con vista sul delta del Mekong: è incredibile quanta acqua ci sia in questo posto!! Con due moto con autista andiamo in centro per la cena in un posto dove non parlano una sola parola di inglese; una fatica incredibile.
Notte nel peggior albergo del nostro viaggio, salutiamo il Vietnam con un po’ di amaro in bocca; ci è piaciuto molto nel complesso però gli ultimi due giorni ci hanno lasciato un po’ l’amaro in bocca.

23/08
Ore 8.15 partenza con il battello direzione Phnom Penh (Cambogia), il viaggio in barca (velocissima) è stato molto divertente, lungo questo enorme fiume fonte di ricchezza per queste popolazioni. Passiamo le due dogane in maniera molto simpatica (c’è pure il metal detector per i bagagli) arrivo a Phnom Penh e trasferimento in taxi fino a Shianoukville.
E qui troviamo un angolo di paradiso, la città è fatiscente ma noi siamo riusciti a trovare un bungalow veramente fantastico in riva al mare, circondato da alberi da frutto ….

24-25-26/08
Solo noi due … mare, palme, sole, sabbia bianca …. Taaaanto relax in un bungalow romantico, fantastico !!!!
L’acqua del mare è caldissima e, alla faccia della stagione delle piogge … in tre giorni neppure una goccia!!!!
Di contro il magiare costa più del doppio che in Vietnam. Il paese e la gente è molto meno attrezzato e predisposto verso il turismo, ad ogni modo noi abbiamo passato tre giorni fantastici !

27/08
Ultima passeggiata per la spiaggia deserta, ultimo bagno e quindi partenza in autobus per Phnom Penh viaggio tranquillo con acquazzone finale degno del monsone. La città in 30 minuti è andata sotto di 20 cm. Phnom Penh è carina (palazzo reale, Pagoda e lungofiume) peccato non avere il tempo di visitarla, cena di pesce su un ristorante lungo il fiume (sempre il mekong) e a letto presto che domani si fa la levataccia !

28/08
Partenza ore 7 via nave, 5h e 15 di navigazione tranquilla lungo il fiume e il lago Tonlè Sap
Arriviamo a Siem Rap dove facciamo il check in nel nostro ultimo albergo che ci appare subito degno di una stupenda conclusione di una stupenda vacanza. Due passi e quattro spese per il mercato e capatina veloce al tramonto ad Angkor Wat … che dire? Anche sotto un’acquazzone monsonico ci appare stupendo nella sua maestosità. Un tempio del 1200 ancora interamente conservato e domani il resto in …. tuk tuk !

29/08
Giornatona !!!!!
Alle 7 si parte con il tuk tuk (fantastico mezzo di trasporto) e via con la visita dei templi di:
- Angkor Thom, che contiene
o Bayon dai 54 volti del re
o Baphuon in fase di restauro
o Phimeanakas dalle scalinate ripidissime
o La Terrazza degli Elefanti con davanti le 12 Torri di Prasar
- Appena fuori la città il bellissimo e raccolto tempio di Thommanon
- Il Ta Keo spoglio e incompiuto dalle 5 torri del terzo livello
- L’incredibile Ta Promhm, tempio invaso dalla natura e dagli alberi millenari, un autentico spettacolo di una bellezza disarmante !!!!!
- ed infine Angkot Wat: non ci sono parole per descriverlo … bisogna vederlo !!!
Dopo il solito acquazzone monsonico tuffo rigenerante in piscina …. Perché siamo sempre dei signori !
Cenetta al ristorante tailandese.

30/08
Giornatona bis !! (in realtà oggi ci siamo massacrati)
Tour di 27 km con il nostro amico in tuk tuk. Abbiamo iniziato rivisitando il Ta Prohm assolutamente affascinante!!!
- Pre Rup dalle scale ripidissime anche questo
- Mebom contornato da statue di elefanti a rappresentazione del monte meru
- Ta Som enorme e simile al Ta Prohm ma meglio conservato con la porta verso est impossessata da un albero secolare
- Preah Neak Pean, praticamente un antico complesso di piscine
- Preah Khan edificio gigantesco dalle moltissime porte e dallo strano edificio colonnato a due piani
- Bayon … bello, bello, bello, bello|
- ascesa al Phnom Bakheng che sorge su una collina da cui si può godere una splendida vista sulla foresta e aguzzando la vista anche sull’Angkor Wat. (certo che salita e discesa ci hanno proprio tagliato le gambe!)
- Saluto finale all’Angkor Wat gustandoci i suoi 800 m di eccezionali bassorilievi:
o La battaglia di Kuruk Shetra
o L’esercito di Suryavarman II
o L’inferno e il paradiso
o L’oceano di latte … bellissimo!
o Vishnù sconfigge i demoni
o Krishna e il re demone
o La battaglia tra gli dei e i demoni
o La battaglia di Lanka

E’ la terza volta che andiamo all’Angkor Wat e ogni volta ci suscita fortissime emozioni.
Quindi piscina !!!! e cena superlusso nel nostro stupendo albergo!
Domani è il nostro ultimo giorno siamo un po’ tristi ma anche felici, torniamo a casa dal nostro micetto.

31/08
Oggi in mattinata visita agli ultimi templi che ci mancavano. Il primo, Banteay Srei, è stupendo, abbastanza distante dal sito principale (circa 1 ora) con i più bei bassorilievi in pietra rossa mai visti (opera di una donna, ovviamente) un vero gioiellino. Ci dirigiamo quindi verso il complesso di Roluos dove si trovano i templi più vecchi del sito (900 d.C) e si vede !
Quindi tuffo in piscina, ultimo pranzetto Khmer e via … si torna a casa !
Tags: Vietnam, Cambogia
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti