Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Nell'Abbazia di Valvisciolo Si Trova un Rotondo Quadrato di Sator

Scritto da isabella dalla vecchia
  • L'abbazia
  • L'abbazia
  • Il pozzo
  • Il quadrato di sator
Questa abbazia venne costruita nel VIII secolo da monaci greci, ma finì poi sotto la custodia dei Templari nel XIII secolo. In seguito passò sotto i Cistercensi. La leggenda di questo luogo sacro la lega molto strettamente ai Templari, si dice infatti che nel 1314, nel momento in cui l'ultimo Gran Maestro Templare, Jaques de Molay, fu bruciato sul rogo, accusato di eresia e blasfemia dal Papa, le travi di questa chiesa di spezzarono da sole. Ciò è accaduto nell'architrave centrale, in corrispondenza dello splendido rosone della chiesa, una rosa con al centro una croce. Questo fenomeno è stato documentato con uno scritto antico e all'interno è ancora possibile osservarne la frattura!
Inoltre il luogo è reso ancora più sacro e misterioso dalla presenza di un altro fondamentale simbolo, nel chiostro è possibile trovare infatti un piccolo "quadrato" di sator, che quadrato non è perchè la scritta palindroma viene eccezionalmente qui distribuita su di un cerchio.

SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS

Il perchè in questo contesto fu rappresentato in forma circolare resta ancora oggi un mistero. Essendo diviso in cinque spicchi direi che la figura più che un cerchio richiama il simbolo di un pentagono, forma geometrica che anticamente richiamava una sorta di protezione alchemica (il mago disegna un pentagono a terra per proteggersi da eventuali spiriti evocati), una difesa templare da forze oscure che in quel periodo stavano nascendo e anelavano a sopprimere l'ordine. Queste forse oscure, dal nome di Filippo il Bello e papa Clemente V in parte ci riuscirono, sterminando migliaia di cavalieri templari, ma di sicuro non poterono distruggere la forte magia e gli antichi messaggi che vengono custoditi in questi simboli eterni, ancora oggi conservati in questo tipo di luoghi sacri. Sono l'eredità dei templari, da leggere come un libro aperto e da esportarne i messaggi cifrati che in essi nascondono.
Nel chiostro è presente anche un pozzo. Spesso nei chiostri è possibile trovare al centro un pozzo o una fonte, definendo il chiostro stesso come un nuovo giardino dell'Eden, nel quale non vi è più presente l'albero del bene e del male, ma la stessa fonte della vita.

JAQUES DE MOLAY, L'ULTIMO GRAN MAESTRO TEMPLARE



torna alla Home Questo luogo appartiene al gruppo:
PERSONAGGI



JAQUES DE MOLAY
L'ULTIMO GRAN MAESTRO TEMPLARE


Fu l'ultimo Gran Maestro dei templari, perchè con lui si estinse l'Ordine. Nel 1314, Filippo il Bello, re di Francia, con il sostegno del papa Clemente V, stipularono una bolla papale che si sarebbe dovuta aprire allo stesso giorno e alla stessa ora in tutta Europa. quando fu aperta, il messaggio scritto era un ordine che proveniva direttamente dal papa: uccidere all'istante tutti i Templari perchè dichiarati sacrilegi e blasfemi. Fu una carneficina conclusa con il rogo dell'Ultimo Gran Maestro templare Jaques de Molay, dopo essere crudelmente torturato e interrogato. Il 18 marzo 1314, al tramonto, Jaques de Molay e Goffredo di Charney, precettore di Normandia, custode della Sacra Sindone, furono bruciati sul rogo. Si dice che de Molay, in punto di morte abbia convocato davanti al Tribunale di Dio il papa entro 40 giorni e il re francese entro l'anno. Ebbene, 37 giorni dopo Clemente V morì e 8 mesi dopo morì anche Filippo il Bello.
Al momento della morte di Jaques de Molay accadde anche si si spezzò l'architrave centrale della chiesa di Valvisciolo in Sermoneta (LT).
Tags: sator,templari,alchimia,cavalieri,miracoli
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti