Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Parco Nazionale delle Cinque Terre

Scritto da Valerio Atria
  • Riomaggiore
I cinque comuni sospesi tra mare e terra che compongono questa incantevole località del Parco Nazionale delle Cinque Terre , riconosciuta come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, sono RIOMAGGIORE, MANAROLA ,CORNIGLIA , VERNAZZA, MONTEROSSO AL MARE.

Tutti per uno, tutti per le Cinque Terre. Questo potrebbe essere il motto di quest’area mediterranea della Liguria. Le Cinque Terre accontentano tutti, puoi scegliere tra una nuotata a mare o una passeggiata tra i sentieri in collina, tra una passeggiata nei vicoli o una gita in barca, tra un pellegrinaggio ad un santuario o un pranzo a base di pesce, tra tranquillità o divertimento. A voi la scelta.

I cinque borghi sono nati in un territorio difficile e sono circondati da colline verdissime e dal mare azzurro. Ogni borgo ha il suo santuario posto su in collina, distaccato dal centro, raggiungibile con i sentieri e in parte con autobus. Da qui sù potete ammirare panorami fantastici di tutti i borghi e dell’intera area delle Cinque Terre. Tra un borgo e l’altro potete ammirare la cultura dei muretti a secco coltivati a vite da dove nasce lo sciacchetrà , un regno di natura e profumi selvaggi.

I cinque comuni sono collegati con un sentiero a strapiombo sul mare molto affascinante e facilmente percorribile. Il tratto più famoso è quello che va da Riomaggiore a Manarola chiamato “La Via Dell’Amore” che è una passeggiata a picco sul mare molto romantica e con un percorso molto comodo, dove trovere anche un punto ristoro dove poter sostare a prendere un gelato affacciati sul mare. Anche qui lungo il percorso troverete i famosi catenacci delle coppie innamorate. Quindi se volete lasciare il ricordo del vostro amore…
Alla fine del sentiero un bel tuffo nelle limpide e pulite acque di questo mare è vivamente consigliato!

I paesini sono caratterizzate da vicoli e scalinate che si diramano tra le case, addossate le une alle altre e tinteggiate con i tipici colori liguri.

Partendo da sud il primo paese che incontrate è Riomaggiore. Le case sembrano affacciarsi tutte sulla sua via principale sotto il quale scorre un torrente. Scendendo questa via si giunge fino a mare dove troverete un piccolo scalo per le barche dei pescatori. Percorrendo un piccolo sentiero giungere in una zona “spiaggia” formata per lo più da sassi. Consigliate le scarpette da mare. Risalendo si può raggiungere il castello dove ci si po’ riposare al fresco e con un bel venticello affacciati sulla città.

Dopo Riomaggiore si giunge a Manarola percorrendo “la via dell’Amore” . La via principale è caratterizzata da tante barche “parcheggiate” un po’ come le auto nelle nostre città. Alla fine di questa via vi trovere su una fantastica terrazza sul mare e ammirerete le case arroccate una sopra l’altra sui due speroni di roccia. Anche Manarola non ha la spiaggia e se volete stendervi un po’ al sole e farvi un bagno a mare dovete trovare un po’ di spazio sugli scogli o sulla discesa delle barche.

Il terzo paesino è Corniglia. Questo si differenzia dagli altri paesi delle Cinque Terre in quanto non è direttamente sul mare ma si erge sulla cima di un promontorio alto un centinaio di metri, e il mare è raggiungibile con un lunga rampa di scale, infatti il paese è più legato al territorio che al mare.

Dopo Corniglia troviamo Vernazza. Caratterizzata da ripide e strettissime viuzze che scendono verso la strada principale che sfocia in una bellissima piazzetta affacciata sul mare dove troviamo la chiesa di S. Margherita. Dalla piazzetta si va sulla piccola spiaggia situata di fronte al porticciolo naturale. Questo è il primo pesino che ha una spiaggia di sabbia accessibile anche per i bimbi. Sulla piazza si affaccia la torre del castello e un’altra torretta che però è un ristorante. Vicino alla fermata dell’autobus troverete un bar/ristorante gestito da un siciliano che fa delle granite con frutta fresca squisite (niente sciroppi), provare per credere. Un altro consiglio è quello di prendete l’autobus che vi porta al Santuario di Nostra Signora di Reggio anche se non vi và di camminare lungo il sentiero , potete ammirare un panorama eccezionale.

Ultimo paese del Parco è Monterosso Al Mare. Questo è il paese più grande , divisa in due zone da una collina ,una più moderna e una più antica collegate da un tunnel e da un percoso pedonale sul mare che gira intorno ad una torre. Quì possiamo trovare tre insenature con altrettante belle spiaggie sabbiose con scogli isolati. La spiaggia è piena di lidi a pagamento e per pochi tratti libera. Al tramonto vi consiglio una bella passeggiata sul porticciolo. Per cenare andate al ristorante CIAK è molto famoso e bisogna prenotare appena arrivati in paese, fa dei primi eccezionali che dicono sono per 2 persone, ma se si vuole mangiare anche altro è meglio dividere per 4 se no non si mangia più niente. Ottime anche le acciughe ripiene. Monterosso è famosa per le sue acciughe.

Se volete risparmiare non fate la card cinque terre treno se prendete il treno una sola volta al giorno per andata è ritorno, pagate di meno facendo ogni volta il biglietto anche se è una seccatura.
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti