Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Come Thelma e Louise

Scritto da jennifer mallegni
  • 'isola rossa'
-"Finalmente il traghetto è partito!".
-"Queste vacanze ci volevano proprio!".
Questo viaggio era stato deciso da tempo da me e dalla mia amica e il periodo migliore per partire si sa: è l'estate della MATURITà.
Come Thelma e Louise prendiamo la macchina e ci imbarchiamo sul traghetto al porto di Livorno, l'arrivo ad Olbia è previsto per il mattino dopo.
La notte è lunga anche perchè per risparmiare non abbiamo preso la cuccetta, perciò ci arrangeremo su qualche poltorna libera, ma in fondo non ha importanza. Siamo così elettrizzate, la fine del liceo ci sembrava così lontana e invece stiamo realizzando quel piccolo sogno che da anni progettiamo.
-"Jenny, sveglia! La nave sta per attraccare!".
In tutta fretta ci rechiamao alla macchina e ci mettimo in coda per uscire. Poco dopo siamo fuori e da li inizia l'avventura.
Io sono il "navigatore" e con la cartina in mano do le direzioni per arrivare al residence alla località Badesi,ci mancano ancora qualche ora di strada. Ogni tanto do qualche occhiata fuori dal finestrino, vedo questi interminabili distese segno indistindibile di questa isola, qualche roccia di forma strana, qualche "rimasugliolo" di nuraghi e pinete dove si scorge dietro il mare.
La scelta della meta è stata proprio "azzeccata".
Arriviamo al villaggio, corriamo all'appartamento e ci mettiamo subito il costume, non abbiamo tempo da perdere.
A disposizione abbiamo tutta la costa nord della Sardegna, a noi la scelta. Decidiamo per "l'isola rossa", un luogo lì vicino che ci hanno consigliato alla reception. Non avevamo la più pallida idea di cosa fosse, o almeno avevamo tutta un'altra idea.Davanti a noi ci troviamo una spiaggia rocciosa di color rosso, sembra una collana di corallo, è meravigliosa. Fra una roccia e l'altra ci sono delle piccole "vasche idromassaggio" al naturale e il colore del mare è indiscrivibile. Io e Giovanna ci guardiamo piene di soddisfazione e facciamo a gara a chi si tuffa per prima. Io da brava subacquea, vado in esplorazione con la maschera: ci sono ricci di mare e pesciolini buffissimi. La giornata passa troppo in fretta e ritorniamo alla "base", dobbiamo ricaricarci perchè ci aspettano altri 14 giorni intensi come oggi.
Neanche stanotte riusciamo a dormire, pensiamo al pomeriggio trascorso, alle cose che questa terra ci riserverà. Non importa se finite queste settimane dobbiamo ritornare alla routine di tutti i giorni, alle scelte che dovremmo affrontare, noi adesso siamo qui e ci lasciamo tutto alle spalle.
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti