Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Elba, la Bella Vicina.

Scritto da Francesco de Robertis
  • Lacona
  • Felciaio
  • Tramonto all'Elba
Non so neanche più da quanto la conosciamo. Da ragazzi , poi ci siamo tornati con i figli, a volte dopo un’estate in montagna, o una vacanza all’estero. Non ci ha deluso mai: campagna genuina, calette mozzafiato, fondali puliti ancora ricchi di pesce, buon cibo e prezzi altrettanto buoni. Da preferire luglio, quando in città il caldo si è fatto insopportabile, per ricominciare a dormire di notte e sentirsi attivi di giorno. Merito del vento, quello che certe sere ti fa mettere i pesi sui piatti di plastica e fa partire il fuoco del barbecue in 5 minuti. In ogni caso, anche a luglio, conviene essere in controesodo.: puntare la sveglia per essere in spiaggia (e trovare parcheggio) alle 9,00.

L’acqua è fresca, con la maschera si scoprono i pesci che spariranno alle 11,00 quando arrivano tutti. Per chi è vicino a Porto Azzurro la rivelazione è Felciaio, una piccola ansa vicino all’Hotel Antares. Si raggiunge a piedi, passando tra silenziose villone immerse nel verde, dopo aver lasciato l’auto all’ombra della pineta. Con un po’ di fortuna per un paio d’ore ci siete solo voi, gli scogli che incorniciano la laguna, l’acqua trasparente e tanti saraghetti curiosi. Oppure, sulla strada per Capoliveri girate a destra per Zuccale: vi aspettano un parcheggio garantito a qualsiasi ora, un bel po’ di scalini di terra e un piccolo golfo tranquillo, ideale per famiglie e molto amato dai turisti tedeschi. Oltre il promontorio di Capoliveri, proseguite per l’Innamorata, evitando accuratamente Straccoligno, che ogni anno si conferma, per qualche strano giro di correnti, il più grande punto di raccolta di meduse.

Se il tempo è sul coperto, un’alternativa sicura è Lacona. Venendo da Portoferraio verso Porto Azzurro si prende la deviazione sulla destra e dopo delle piacevoli curve vista mare, ecco un ampio golfo. Fondo sabbioso, ma pulito, spazio anche fuori degli stabilimenti, regno del volley (campetto) dei racchettoni, del frisbee, del noleggio di moto d’acqua e di certi pedalò ”fuori serie”.A mezzogiorno, scartate la pizzeria vicino alla pineta e scegliete quella che dà sulla spiaggia: terrazza coperta sul mare, servizio premuroso, cuoco verace e pizze sottili e morbide, buone anche da asporto.

A Portoferraio, la sorpresa: Le Ghiaie è una spiaggia di ciottoli con un mare incr4edibilmente trasparente, malgrado sia in centro città, a un’insenatura dal porto. Posto tranquillo, per chi ha famiglia, ma un rivelazione per chi entra con maschera e sacchetto di pane vecchio: si è letteralmente circondati da saraghi e salpe voraci e di buone dimensioni, che vi seguono come alle Maldive. Sanno che è un parco naturale e si fanno toccare a pelo d’acqua (vedi filmati su You tube). Se invece siete a caccia di spiagge famose, da Portoferraio costeggiate alla volta di La Biodola, Cavoli, Capo Fetovaia.

Un pizzico di mondanità a Capoliveri: musica alla sera una pigra passeggiata tra le boutique dei vicoli, tra gelaterie e creperie (decisamente troppe). Avete lasciato l’auto al parcheggio della Coop? Bravi, così potete chiudere in bellezza comperando 1 kg. di salsicce toscane nella sua macelleria. Cotte alla brace o crude sul pane caldo non hanno rivali. Per tutto il resto, Porto Azzurro batte Capoliveri, meno snob e più autentica. Quello che ci si aspetta, al mare, da una città di mare.
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti