Prenota tra più di 200.000 strutture Prenota

Portogallo

Scritto da Rita Molinari Gabusi
  • Panorama
Il 28 di luglio mi sono ritrovata davanti al computer delusa che le mie vacanze quest'anno erano state decise per i primi 15 giorni d'agosto e senza nessuna idea sulla meta visto il periodo decisamente sovraffollato sia per mare che per montagna. Domando alle mie due figlie e mi suggeriscono Grecia o Portogallo. In Grecia ci sono già stata e quindi vada per il Portogallo, trovo il volo Malpensa-Lisbona per il primo di agosto e cosi si parte con una guida acquistata al momento per farci un'idea sui posti da visitare. A Lisbona noleggiamo una macchina e ci dirigiamo verso nord, prima tappa: Fatima, Santuario molto conosciuto ma chissà forse in agosto la gente va al mare... Pochi turisti e pochi pellegrini che in ginocchio pregano e percorrono un lungo tragitto arrivando ad avere le ginocchia sanguinanti ma sicuri che la loro preghiera verrà ascoltata. Ma lo sapevate che la pallottola che ha tentato di uccidere Papa Giovanni Paolo II è inserita nella corona che porta la Madonna di Fatima ? Continuiamo verso nord fino a Viana do Castelo e finalmente il mare Atlantico, gelido ma il mare !!! Incontriamo amici che da anni sono emigrati in Svizzera e con loro ci rechiamo in queste lunghe spiagge quasi deserte, ma siamo sicuri che sia il mese di agosto? Le ragazze riescono ad entrare in mare e giocare con le onde, per noi adulti l'acqua è decisamente fredda, ci perdiamo in chiacchiere e in una buona lettura. Proseguiamo verso Braga e ci ritroviamo in una stupenda città, naturalmente con tante chiese e il santuario del Bom Jesus. Ma lo sapevate che per salirci c'è l'unica funicolare funzionante ancora ad acqua d'Europa? Incredibilmente credenti, ospitali e cordiali i portoghesi. Sempre più a nord ed eccoci in un paesino vicino a Chaves, case in sasso, donne vestite di nero, asini che trainano carretti, sembra un altro mondo. Qui ci troviamo in un paesaggio di conifere e quasi ad ognuna di esse viene attaccato un sacchetto al tronco, tagliato la corteccia e si raccoglie la loro resina per poi venderla a varie ditte per svariati usi. Scendiamo poi nella Valle del Douro dove il paesaggio collinare è una coltivazione unica di vigneti, per chilometri e chilometri solo vigneti da dove si produrrà poi il porto, il vino verde e altri buoni vini. Approfittiamo per visitare il mercato di Viseu che non ci colpisce in modo particolare. Finalmente Coimbra, città universitaria, su e giù per queste bellissime strade pedonali tra atenei di farmacia, medicina, ecc. Con le ragazze visitiamo anche il Portogallo dei piccoli che riproduce diverse costruzioni famose delle località portoghesi ma non la troviamo particolarmente interessante. A Lousa, località vicino a Coimbra troviamo una piccola piscina naturale dove le ragazze approfittano per fare un bel bagno. Qui decidiamo di scendere in Algarve per goderci qualche giorno al mare. Abbiamo difficoltà a trovare alloggio, qui ci rendiamo conto che siamo in agosto. Albufeira tutto pieno, Portimao niente da fare, finalmente a Lagos troviamo un privato che ci affitta due camere. Lagos è una cittadina tranquilla, su tutta la costa dell'Algarve troviamo insenature rocciose con ai piedi spiagge stupende ed un mare che dal trasparente passa all'azzurro, al blu, al verde... Stupendo!!! Approfittiamo per fare tanti bagni, l'acqua è decisamente più calda che al nord. Visitiamo il punto più estremo d'Europa, Cabo de Sao Vicente e seguiamo la costa verso Lisbona. A Troia prendiamo il traghetto per Setubal e via verso la capitale dove troviamo un albergo per gli ultimi tre giorni. A Estoril tappa d'obbligo al circuito, Lisbona la visitiamo un po' a piedi poi decidiamo per il bus turistico. Passiamo da una piazza all'altra, il castello, i famosi tram gialli tipici, il lungomare tutto a nuovo con i suoi palazzi ancora ricoperti da "azulejos", il porto, l'acquario,... Terminiamo con la visita al Ponte Vasco De Gama e 25 de avril da dove saliamo sull'imponente Cristo Rei. In collina troviamo Sintra con le sue antiche ville, un tempo rifugio dei portoghesi benestanti dove passavano le estati. Infine Cascais la spiaggia di Lisbona. Ultima tappa Obidus, villaggio mantenuto come in origine, chiuso al traffico, circondato dalle mura del castello. Purtroppo è il giorno del ritorno, siamo comunque tutti felici di aver visitato un paese così bello e ci promettiamo di ritornarci magari già l'estate prossima. Abbiamo trovato accoglienza, cordialità, ottimi vini, ottimi dolci, cucina che offre del buon pesce e carne. Bellissime città e campagne per poi arrivare a spiagge e mare stupendi. Insomma le nostre vacanze nel periodo del temuto agosto ci hanno fatto scoprire un così bel paese: il Portogallo.
© Copyright 2012 Promax Comunication SA | Swiss Made Contatti